Un mondo di giustizia e di pace è possibile TE DEUM di ringraziamento a fine anno 2018

TE DEUM di ringraziamento a fine anno 2018

Cattedrale di Locri – 31 dicembre 2018

cof

Grazie, Signore, di questo anno che se ne va. Grazie del tempo che ci hai dato come opportunità da cogliere e far fruttificare. E’ stato un anno unico ed irripetibile. Donaci, Signore, di coglierne sempre la bellezza e l’irripetibile novità di ogni attimo di vita. Tu ci vuoi collaboratori, ci vuoi «folli capaci di speranza» (don Pino Puglisi). Ci doni ancora la possibilità di continuare. Tu solo puoi alimentare la nostra fiducia nel futuro. Donaci di costruire un mondo più bello e più giusto. Tu sai che senza il nostro apporto, per quanto piccolo, tutto si ritarda. Tu ci hai creati per amore: siamo per Te un tesoro prezioso. Ci hai fatti per amare, per essere sale, luce e lievito. Uniti a Te possiamo essere fiaccola nell’oscurità.

. Ma non senza il nostro apporto di umanità. Ci mostri come accanto all’egoismo e all’indifferenza c’è sempre chi, con umiltà, dedizione e altruismo, si offre silenziosamente ai più disagiati e bisognosi, s’impegna nell’affermazione della giustizia e nella costruzione di un mondo migliore.

Grazie, Signore, per la trama di relazioni positive tra noi. Sono in tanti a spendere il loro tempo nella cura degli altri, volontariamente e gratuitamente. Grazie, Signore, per i tanti fratelli e le tante sorelle che nelle parrocchie si dedicano alla formazione dei ragazzi e giovani. Sono catechisti, catechiste, responsabili di gruppi, animatori di oratorio. Grazie per i volontari della carità, vicini agli ultimi, agli anziani ed alle persone sole, agli ammalati in ospedale. Grazie sempre per i sacerdoti, i consacrati e le consacrate che rendono lode e gloria a Te attraverso il loro servizio di amore a questa terra.

Grazie, Signore, del tempo che ancora ci concedi per continuare a fare del bene. Sappiamo che «per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare; non solo pianificare, ma anche credere» (Anatole France). Con uno sguardo di fede rivolto al futuro, sogniamo un anno di pace. Signore, fa che in questo tempo non venga in noi meno la convinzione che essere onesti vale la pena, che – come diceva lo scrittore nostro conterraneo Corrado Alvaro – “la disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile”. Anche quando gli scandali e la corruzione abbassano il livello etico della società.

Rendici, Signore, capaci di amare la nostra terra in tutta la sua bellezza, di accettare la vita secondo il tuo progetto, di non perdere la fede, rassegnandoci alla mediocrità di una vita senza senso. Che cosa posso fare per rendere migliore la mia vita e quella degli altri? E’ questo il pensiero che deve accompagnarci nel tempo che ci sta davanti. Tempo di speranza!

Signore, che nessuno si senta così povero da non poter dare qualcosa di ciò che ha e soprattutto ciò che è! Che nessuno si senta così deluso da non aspettarsi alcuna novità! Nessuno così lontano da Dio da non apprezzarne uno sguardo! Che nessuno sia così distratto da non accettare un sorriso o una stretta di mano o un semplice saluto! Che nessuno sia così gretto da non gioire per la visita di un amico o per una richiesta di perdono! Vivere la gioia e la speranza cristiana dà senso e durata al nostro tempo. Non abbandonarci, Signore, e non mancare di prenderti cura di noi! E’ vero che sono tante le difficoltà nel gestire il tempo, i sentimenti, le relazioni. Ed è difficile cogliere l’essenziale della vita! Ma il tempo ben speso ci porta a “vivere l’infinita pazienza di ricominciare. Noi andiamo tutti di inizio in inizio, attraverso inizi sempre nuovi, perché con Dio c’è sempre un dopo!” (Gregorio di Nissa).

E allora a te, fratello e sorella che ti fai compagno dei miei giorni, auguro di vivere ogni tua ora come un dono prezioso da saper condividere. “Non aver paura che la vita possa finire. Abbi invece paura che possa mai cominciare davvero» (John Henry Newman). E’ l’augurio che faccio a tutti ed a ciascuno alla fine di questo anno e all’inizio del nuovo.

BUON ANNO NUOVO!

Francesco Oliva, Vescovo di Locri-Gerace

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

Lascia un commento