Archivi tag: locri

Fa’ ch’io sia strumento nelle tue mani Preghiera di ringraziamento di monsignor Oliva per i sui tre anni di ministero episcopale e per l'ordinazione di tre nuovi sacerdoti nella Chiesa di Locri-Gerace

cof

Grazie, Signore, per il dono del servizio in questa terra che scopro giorno dopo giorno sempre interessante e bella. Grazie per i volti che mi hai fatto incontrare, fedeli ferventi che gremiscono le nostre belle chiese. Grazie per le fatiche che mi hai regalato, per i sacerdoti che mi hai posto accanto come primi fedeli cooperatori. Grazie per gli uomini e donne che cercano Dio oltre la soglia delle nostre chiese in attesa di incontrare la luce. Grazie per le testimonianze belle che mi hanno reso quanti hanno abbracciato la loro sofferenza con dignità e fermezza nella fede, la testimonianza degli ammalati dell’ospedale qui vicino e dei medici ed infermieri che in condizioni spesso di gravissimo disagio, superando ogni stanchezza, portano avanti il loro servizio con impegno e fedeltà. Grazie per i fratelli ospiti della vicina casa circondariale di Locri e che mi hanno mostrato attenzione ed affetto, ma grazie anche per quanti sono a loro servizio.
Grazie, Signore, di avermi messo davanti i miei errori e le mie povertà. Grazie per tutte le volte che mi hai fatto scoprire che dovevo amare di più e giudicare di meno, che dovevo guardare di più gli altri e meno me stesso. Grazie, perchè sempre mi hai rialzato, quando sono caduto ed hai accresciuto la consapevolezza dei miei limiti. Grazie, per quanto non ho fatto ed hai fatto Tu al mio posto, per il tuo amore in tutte le ore, lungo ogni sentiero dove mi hai condotto. Ed io ho sentito che Tu mi eri vicino. Eri lì dove non pensavo. Ho sentito la tua voce quando intorno il deserto mi portava a temere. Quando la mia voce, la nostra voce, la voce della chiesa non arrivava alle periferie e attorno prevalevano progetti di male, di odio e di morte, quando il grido del povero non trovava ascolto ed i miei percorsi non erano i tuoi.
A te offro, Signore, i giorni e le ore, le ansie e le fatiche mie e dei confratelli, che nel silenzio affrontano le difficoltà e le povertà umane di fronte ad una missione spesso troppo impegnativa. Mi hai fatto sentire la tua voce, come hai fatto con Geremia: “Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò e dirai quello che io ti ordinerò. Non aver paura di fronte a loro, perché io sono con te per proteggerti. Ti dò autorità sopra le nazioni e sopra i regni per sradicare e demolire, per distruggere e abbattere, per edificare e piantare”. Fa’, o Signore, ch’io sia – con tutti coloro che hai scelto come tuoi sacerdoti – strumento nelle tue mani “per edificare e piantare”, ma anche per alleviare la sofferenza del popolo che mi hai affidato e portare gioia e speranza. A te Signore affido Antonio, Gianluca e Lorenzo, che mettono nelle tue mani la loro vita. Rendila un’offerta a Te gradita. Dona loro di esprimersi con umiltà, con fedeltà e coerenza, per essere strumenti gioiosi nelle tue mani, senza mai risparmiarsi per il bene dei fratelli.
Maria, la madre di Gesù e nostra, diventi compagna di viaggio e nostra guida. Amen!

Francesco Oliva, Vescovo

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

No ai licenziamenti! Il vescovo a fianco dei dipendenti del Call&Call Lokroi

Esprimo tutta la mia solidarietà a Voi dipendenti della Call&Call Lokroi in Locri (Rc). Siete un gruppo numeroso e compatto, che in questo momento deve dimostrare ancora più coesione. Non si tratta solo di difendere il proprio posto di lavoro, ma di far sentire la vostra voce di fronte a tutta la comunità. Non è possibile giocare sulla pelle degli operai e delle loro famiglie cancellando dall’oggi al domani ben 130 posti di lavoro che danno pane a 130 famiglie. Sarebbe un sacrificio enorme ed insopportabile per un’area depressa come la nostra e che si rifletterebbe gravemente sulle corrispondenti famiglie domiciliate in un territorio socialmente ed economicamente molto debole.

  1. Non si tratta di una “normale” decisione aziendale. Anche senza volere entrare nel merito della decisione, mi permetto far rilevare che il lavoro, proprio perchè è un diritto per tutti, dev’essere equamente distribuito in tutte le aree del paese, se non si vogliono creare ampie zone di emarginazione e di scarto sociale. Mi spiace dire questo.
  2. Non è possibilmente né accettabile che una delle poche aziende, l’unica realtà privata di dimensioni consistenti che ha deciso di investire a Locri da oltre 12 anni, la COO&HR Call&Call Holding S.p.A. con sede in v. Cesare Cantù, 11 – 20092 Cinisello Balsamo (MI), in seguito alla decisione della ENGIE ITALIA di ritirare le proprie commesse, possa essere depotenziata con gravissimi danni su tutto il territorio. L’azienda, che nel 2017 conta 361 risorse operative e circa 15 risorse di staff regolarmente assunte ed allocate sulle due commesse attualmente attive (ENEL 231; ENGIE 130), venendo a perdere le commesse della ENGIE che ha deciso di uscire dalla sede di Locri per motivi organizzativi interni ed ha posto come condizione a Call&Call di trasferire l’attività a Casarano, sede pugliese del Gruppo Call&Call, di fatto avviando la procedura per riduzione di personale ex. art. 24 e 4 della legge 23 luglio 1991, n. 223, mette in ginocchio la stabilità economica e la pace di altrettante famiglie che vi lavorano.
  3. Dopo l’uscita negli ultimi due anni di ing-bankspa e di Rcs mediagroup, l’attività aziendale viene così gravemente depotenziata con gravissime conseguenze sul piano sociale ed economico per tutto il comprensorio locrese.
  4. Come vescovo di questa piccola diocesi del Sud Italia sono preoccupato per il futuro di tante famiglie. In questa area del profondo Sud non solo non sorgono nuove aziende, ma le poche operative vengono ridimensionate o chiuse. E, mentre a Roma si discute di politica, la crisi lavorativa qui si aggrava e cadono le ultime speranze delle famiglie. Come vescovo pastore in questo territorio colgo il quotidiano grido di dolore della gente, alla quale non resta che emigrare altrove in cerca di un posto di lavoro.
  5. CHIEDO AI POLITICI DEL TERRITORIO DI FAR QUADRATO E DI METTERSI AD UN TAVOLO DI LAVORO PER STUDIARE LE MODALITA’ CINCRETE PER EVITARE LE GRAVISSIME CONSEGUENZE DI UN LICENSIAMENTO IN MASSA CHE METTEREBBE IN GINOCCHIO L’ECONONOMIA DI QUESTO TERRITORIO.
  6. FACCIO APPELLO A TUTTE LE società operanti con il telemarketing DI PRENDERE IN CONSIDERAZIONE LA POSSIBILITA’ DI OFFRIRE NUOVE COMMESSE ALLA COO&HR Call&Call Holding S.p.A OPERANTE IN LOCRI, PER ATTENUARE LE CONSEGUENZE DEL DISSANGUAMENTO SOCIALE ED ECONOMICO CHE UN LICENZIAMENTO IN MASSA COME QUESTO PROSPETTATO CREEREBBE PER TUTTO IL COMPRENSORIO.
  7. FACCIO ALTRESI APPELLO A TUTTE LE FORSE SOCIALI ED ECONOMICHE SANE A CHE PRENDANO IN CONSIDERAZIONE LA POSSIBILITA DI APRIRE NUOVE ATTIVITA’ ECONOMICHE IN QUESTA AREA DEL SUD PER EVITARE CHE SIA AGGRAVATA LA SITUAZIONE DI TUTTO IL TERRITORIO.
  8. SENTO DI ESPRIMERE IL MASSIMO DELLA CONSIDERAZIONE E DEL RISPETTO VERSO QUANTI imprenditori e managerS DELLA FINANZA E DELL’ECONOMIA VALUTANO LA CONCRETA POSSIBILITA’ DI INVESTIRE RISORSE IN QUESTO TERRITORIO, già molto depresso. Sarebbe un segno di riscatto per questa terra che troppo spesso è vittima delle proposte allettanti provenienti DALLA MALAVITA ORGANIZZATA, che toglie dignità e speranza.
  9. PER QUANTO MI RIGUARDA SEGUIRO’ CON ATTENZIONE LA VICENDA CHE MI AUGURO POSSA TROVARE SOLUZIONE. SPERO CHE LE FORZE POLITICHE DEL TERRITORIO PRESTINO PIU’ ATTENZIONE AD UN’ EQUA DISTRIBUZIONE DELLE OPPORTUNITA’ DI LAVORO, PER NON ACCRESCERE LE SITUAZIONI DI DISCRIMINAZIONE E DI DISUGUAGLIANZA SOCIALE.

Francesco Oliva, Vescovo

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

Continuare con l’impegno quotidiano La Giornata del 21 marzo a Locri. Un mese dopo.

di Luigi Ciotti

 «Siamo qui perché amiamo la vita» ci siamo detti più volte quel giorno. Il 21 marzo di Locri è stato un momento di partecipazione grande, vera, non estemporanea, sbocciata da percorsi di semina, di approfondimento, di consapevolezza. Per questo è necessario darle seguito, fare in modo che la generazione di speranza diventi impegno quotidiano.

Perché questo avvenga occorre, a mio avviso, indirizzare gli sforzi su quattro piani. Il primo è quello del legame tra memoria e impegno. Lo diciamo da sempre, ma la presenza a Locri del presidente Mattarella con la sua storia personale di famigliare di vittima di mafia e le parole attente, toccanti, che ha pronunciato di fronte agli altri famigliari, hanno dato ulteriore forza a un’idea di memoria lontana da ogni retorica, da ogni vuota celebrazione. La memoria diventa motore d’impegno e dunque di giustizia solo se è memoria viva e condivisa, solo se i nomi delle vittime sono scritte, prima che sulle targhe e sulle lapidi, sulle coscienze di ciascuno di noi. «Quando uccidono tuo figlio è come se sparassero su di te» disse un giorno Saveria Antiochia, persona straordinaria e madre di Roberto, agente di polizia ucciso nel 1985 a Palermo mentre scortava il questore Ninni Cassarà. Memoria viva è quella di una comunità che sente la violenza sulle vittime e sui loro famigliari come una violenza inflitta su tutto il corpo sociale.

Il secondo piano è quello culturale. Non è più sufficiente né accettabile parlare delle mafie come di un fenomeno esclusivamente criminale, senza metterne in luce le radici sociali, economiche, politiche. Oggi il problema più grave del nostro paese è la commistione fra mafie e corruzione – che è la mafia dentro di noi, quella che rende possibile la mafia propriamente detta – una commistione che si manifesta come intreccio di criminalità organizzata, criminalità politica, criminalità economica. Perciò il cambiamento richiede molto più che politiche d’occasione o misure calibrate secondo la logica dell’emergenza. Un grande calabrese, don Italo Calabrò, lo aveva capito prima di altri: «Non basta essere antimafia – ha detto – occorre reimpostare tutta una cultura della vita».

Il terzo piano è quella della condivisione e della corresponsabilità, del “noi” per intenderci. Se a Locri, e insieme in 4000 posti d’Italia, c’è stato un grande momento di democrazia, è stato anche grazie alla partecipazione e all’apporto – sia nella Giornata che nei momenti preparatori – di tante persone e realtà appartenenti a mondi diversi, diversi per riferimenti culturali e spirituali ma uniti dagli stessi valori – la dignità e la libertà umane – e dall’impegno per affermarli. E qui voglio ricordare con gratitudine il sostegno del Vescovo di Locri Monsignor Oliva, il suo generoso spendersi, così come l’adesione piena di tutta la Conferenza episcopale calabra e di quella nazionale, per non dire delle tante realtà dell’associazionismo e della cooperazione cattolica storicamente legate a Libera. E ancora la disponibilità del Sindaco di Locri e della sua amministrazione. Ecco il “noi”… Che significa convergenza di passioni e di competenze, rifiuto di personalismi e di deleghe. Nessuno è insostituibile, ma nessuno nemmeno può fare al nostro posto quello che la coscienza ci chiede di fare.

Infine i giovani. I veri protagonisti del 21 marzo sono stati loro e protagonisti devono continuare a essere. In Calabria ne ho incontrati di meravigliosi, animati da un amore ardente per la propria terra, che non accettano di vedere ferita dalle mafie, dalla corruzione, dalle tante forme di abuso e illegalità. Sono patrimonio della Calabria e patrimonio del nostro Paese. Non possiamo più illuderli, non possiamo più deluderli. Dobbiamo sostenerli, incoraggiarli, ma poi anche garantire gli strumenti necessari per realizzare le loro passioni, le loro capacità, il loro amore per il bene comune. Non farlo sarebbe danneggiarli ma al contempo danneggiare noi stessi. Le politiche educative e di lavoro sono il primo impegno di una società aperta al futuro. Diamo ai giovani quello che gli spetta e saranno loro, gli esclusi di oggi, a indicarci e a costruire la strada del domani.

dal n. 3/2017 di Pandocheion-Casa che accoglie 

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.