E’ Pasqua anche per te Il saluto rivolto da S.E. monsignor Francesco Oliva ai detenuti della Casa Circondariale di Locri

Mio caro Amico e Fratello,

torno quest’anno per la Pasqua, anche senza celebrare la Messa del Giovedì santo con il rito della lavanda dei piedi. Col rammarico di non poterti stringere la mano. Le misure restrittive dovute al coronavirus ce lo impediscono.

Vengo solo per dirti: è Pasqua anche per te.

E’ Pasqua per te, che ti senti perso e rattristato per gli errori del passato, ma hai nel cuore desideri di pace e speranze di vita.

E’ Pasqua per te, che vuoi tornare a godere la tua libertà, lasciando dietro di te scoraggiamento e rassegnazione.

E’ Pasqua per te, che hai bisogno della tua casa e degli affetti più cari, per liberarti dall’isolamento del cuore.

E’ Pasqua per tutti, perché ancora una volta risuona l’annuncio che il Signore è risorto e vive con noi!

Non c’è motivo per dire: non è per me questo annuncio. Non sei escluso dalla gioia del Signore Risorto.

Buona Pasqua di pace, di vita e Resurrezione!

 

ph agensir.it

©2020 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

Lascia un commento