Archivi categoria: Liturgia

28° Raduno dei Cori Parrocchiali Il 5 maggio 2019 presso la Basilica Concattedrale “Santa Maria Assunta” – Gerace

28° Raduno dei Cori Parrocchiali

5 maggio 2019

Basilica Concattedrale “Santa Maria Assunta” – Gerace

Programma

 

9,30 Arrivo dei partecipanti

10.00 Prove dei canti per la Santa Messa

12,00 Solenne celebrazione eucaristica presieduta da monsignor Francesco Oliva, Vescovo di Locri-Gerace

13,00 Pranzo

16,00 Relazione

17,00 Concerto dei Cori parrocchiali uniti

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

E’ risorto per noi!   Il messaggio per la Santa Pasqua di monsignor Francesco Oliva

bty

Ogni anno è Pasqua, ma non è mai la stessa. Proprio perché non si tratta di semplice ricorrenza. È un evento straordinario che irrompe nella storia, ieri come oggi. Un evento tanto imprevedibile quanto sperato. Anche da chi distratto cammina senza meta. È l’evento che riguarda il Signore che ha vinto la morte, spalancando le porte di quel Sepolcro che era lì a paralizzare le speranze di tutti. Quel sepolcro vuoto ridona vita alle attese dell’uomo, alle nostre attese.

Sono attese di vita, di resurrezione, di pace.

Attese di vita, di una vita rinnovata, passata attraverso il crogiolo della prova e della passione, e ancor più della morte. Quella passione annunciata che aveva scandalizzato e tramortito i discepoli che seguivano Gesù e che quell’annuncio aveva fatto cadere in un’angoscia totale. La morte dopo quella Pasqua non ha più potere, non è più l’ultima parola detta sulla nostra esistenza. Il Dio della vita è più forte di essa, l’ha vinta, ricreando l’umano vero, purificato dall’ingiustizia, dalla violenza e dall’egoismo senza cuore. C’è bisogno oggi di una nuova umanità, capace di sentimenti forti, dello sguardo attento alle sofferenze e alle ferite di chi è smarrito e solo. Troppe morti! Tanti cuori spenti! Tanta violenza, inutile violenza, insopportabile corruzione! Quanti scarti di umanità attorno a noi! Abbiamo bisogno della pasqua, di quel passaggio che rialza la nostra umanità.

Attese di risurrezione. Nessuno vuol vedere frustrati i sogni e le attese. Nessuno vuol vedere finite le sue relazioni più belle, la vita amata sin dal primo momento. Nessuno vuol vedere finite nel nulla le gioie e le speranze. O perdere gli amici più cari, il bene che ha saputo costruire, anche a fatica, l’affetto della famiglia, gli amori che hanno sfidato il tempo che passa. Risorgere è la parola che fa primavera, che fa rinascere tutte queste attese, che fa sperare nella vita e nell’amore che non finisce. Ecco la vera risurrezione: la vita che ritorna a fiorire immersa nell’infinito amore del Dio che crea ed è fonte di vita. Il Signore fa fiorire quel giardino che custodiva il sepolcro nuovo, raccoglie le lacrime della vedova di Nain, che piange il suo figlio morto, rialza l’amico Lazzaro, venuto a mancare in sua assenza, ridona la vita alla figlioletta del centurione, che prende per mano e riconsegna agli affetti più cari. E’ il Signore che fa vivere, che libera dalla disperazione, dalla morte, dalla solitudine, dall’indifferenza, che risolleva e fa risorgere dalle vite spente, dalle vite senza sogno e senza fuoco. Lui che dice di sé: “Io sono la risurrezione e la vita: chi crede in me non morirà in eterno”. Egli è Colui che non desiste finché non ha raggiunto e fatto fiorire l’ultimo ramo della creazione, l’ultimo oscuro angolo del cuore umano.

Attese di pace, la pace vera che libera dal male, dalle ingiustizie e dal peccato. Quel peccato che si annida nelle pieghe più profonde della nostra società, ma anche della nostra vita. Attesa di pace per ogni cuore che torna ad essere riconciliato con sé stesso ed il mondo intero. Quella riconciliazione donata dal Padre al figlio che non sopportava più la sua vicinanza: è riconciliazione con la vita, con la bontà, con l’universo. Non c’è pace senza riconciliazione. Non c’è riconciliazione senza perdono. Non c’è perdono senza accoglienza dell’altro, qualunque ne sia l’origine ed il colore della pelle, il credo religioso. Non c’è accoglienza senza rispetto. Non c’è rispetto senza accoglienza. Non c’è accoglienza senza dialogo. Non c’è dialogo senza fraternità.  Non c’è fraternità senza amore. Non c’è amore senza Dio. Non c’è Dio che non generi vita e risurrezione. Con Lui tutto si ricompone. Anche il cuore diviso.

Ed allora viviamo la Pasqua, viviamola nell’attesa del Risorto. Cerchiamolo ogni giorno nella fitta trama delle nostre ore. Risorgiamo dall’incapacità di perdonare, cancelliamo la memoria amara del male ricevuto, che c’inchioda ai nostri ergastoli interiori e crea legami imbarazzanti. Togliamo la durezza del cuore. S’intoni l’alleluia pasquale, facendo spazio al Dio che ama senza soste. E’ Lui a rimuovere ogni pietra dai nostri sepolcri. Splenda su tutti il suo volto che vince la morte ed infonde eterno amore.

C’è il Risorto con noi! E’ Pasqua per tutti!

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

“L’ascolto ci rende servi e ministri della Parola” Messa crismale - L'omelia del vescovo, monsignor Francesco Oliva

Messa crismale – Basilica concattedrale di Gerace

(

ph. Albano Angilletta

Carissimi fratelli nel sacerdozio,

è un dono di Dio poter anche quest’anno rinnovare le promesse sacerdotali. Quando le dinamiche della vita possono arrestare lo slancio e l’entusiasmo del giorno in cui fummo unti e consacrati col sacro olio, è giusto ravvivare il nostro impegno di sequela, ritrovare il coraggio di essere più uniti al Signore, motivati non da interessi umani, ma dall’amore per la chiesa ed i fratelli.

Vorrei richiamare la comune riflessione sul fondamentale rapporto con la Parola di Dio, indispensabile per formare il cuore di un buon pastore. L’apostolo Paolo, a Mileto, nel discorso di addio rivolto ai presbiteri-vescovi invita ad affidarsi e a sentirsi affidati “al Signore e alla Parola della sua grazia” (At 20,32), ad esserne ascoltatori, a stare “dentro” la Parola, che è  “viva, efficace, più tagliente di ogni spada a doppio taglio” (Eb 4,12), ed ha in sé il potere di salvare la nostra vita. Essere affidati alla Parola è avere con essa grande familiarità, che non è solo conoscerne l’aspetto linguistico o esegetico, pur necessario, quanto accostarsi ad essa con cuore docile e orante, perché possa penetrare nei pensieri e nei sentimenti, in tutto il nostro essere, in modo da generare quella mentalità nuova, che fa dire all’Apostolo: “Noi abbiamo il pensiero di Cristo” (1Cor 2,16).

“Rimanendo” nella Parola, ci formeremo al pensiero di Cristo da veri discepoli del Signore. L’ascolto presuppone la fede: “fides ex auditu” (Rm 10, 17). Se ci fidiamo di Colui che parla e perseveriamo in questa dinamica saremo capaci di ascolto e di essere in intimità col Signore. Possiamo ben dire che, se per Dio “in principio era la Parola” (Gv 1,1), per il presbitero “in principio è l’ascolto”. E’ ascolto della voce di Dio, della richiesta di salvezza del nostro tempo, del grido del povero, della nostra stessa umanità. L’ascolto è il cuore della missione di ogni presbitero. Il profeta Geremia ci ricorda il primato dell’ascolto rispetto ad ogni altra azione di culto: “In verità io non parlai né diedi comandi sull’offerta e sul sacrificio ai vostri padri, quando li feci uscire dal paese d’Egitto. Ma questo comandai loro: “Ascoltate la mia voce!” (Ger 7, 22-23). “Ascoltare è meglio del sacrificio” (1Sam 15, 22), aggiunge il profeta Samuele. Il bisogno primario dell’ascolto ci dispone ad accogliere, a custodire e realizzare la Parola, in modo da essere capaci di comunicarla a coloro ai quali siamo stati inviati. Guai se non accogliessimo la Parola come rivolta a noi stessi, ma pensandola solo per gli altri: sarebbe un lasciarla cadere nel vuoto invece che nel proprio cuore (cf 1 Sam 3,19). Nella dinamica dell’ascolto c’è anzitutto l’ascolto-dialogo col Signore, un ascolto che si realizza nella reciprocità: Lui ascolta me ed io ascolto Lui. Lui vede me, i miei limiti, ma anche le mie positività ed io mi sento accolto ed amato da Lui. Lui il Signore vede quello che gli altri non possono vedere, il bene ed il male che c’è in me. Lui sa quando amo, quando c’è rabbia in me. Conosce i sentimenti più nascosti. Ma non condanna, usa misericordia come metodo di relazione ed invita ad avere “gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù” (Fil 2, 5-7).

All’ascolto della Parola consegue e si alimenta l’ascolto dei fratelli.  E’ l’ascolto più che il parlare a rompere le nostre solitudini, a farci superare il pericolo di chiuderci in noi stessi. Oggi la nostra prima vera opera di misericordia pastorale è proprio l’ascolto dell’altro: ascolto delle sue fragilità ed insuccessi, delle sue preoccupazioni, delle sue attese e speranze. La nostra vera umanità sta nel farci ascolto. E’ un’umanità che imprime alla vita “il ritmo salutare della prossimità, con uno sguardo rispettoso e pieno di comprensione” (EG, 169). E’ la prossimità che si fa accoglienza, dialogo, perdono, aiuto e che spinge nei contesti dove le persone vivono e soffrono, in modo da coglierne i bisogni concreti. Nel ministero della consolazione siamo prossimi allo sfiduciato, allo smarrito e a chi ha più bisogno di curare le ferite della vita. La nostra non è una prossimità facile o di comodo: richiede una gratuità che deve divenire stile di vita, preghiera d’intercessione, dono di sé.

La nostra umanità si esprime nell’arte dell’accompagnamento, tanto necessaria nel contesto odierno, in cui forte è il bisogno di essere ascoltati: un bisogno di ascolto personale, quello che fa sentire la persona accolta ed amata.

La disponibilità/capacità di ascolto ci rende uomini di relazione. La nostra missione si connota essenzialmente in senso relazionale: siamo pastori nella misura in cui siamo capaci di relazione.

Viene anzitutto la relazionalità nel presbiterio, una relazionalità che non può essere surrogata da altre forme al di fuori di esso: la relazione con i confratelli e con il vescovo che è di natura sacramentale, quindi necessaria, non può essere ridotta ad una realtà opzionale, affidata alla sensibilità soggettiva. Ci possono essere relazioni difficili o anche spezzate, ma tali situazioni non possono cronicizzarsi. Sono relazioni che nelle dinamiche esistenziali possono anche entrare in crisi. Ma non per questo deve venire meno il dovere di riprendere il dialogo e di usare misericordia e perdono.

La cura delle relazioni nel presbiterio è una condizione essenziale di fecondità della missione che ci è stata affidata. E’ necessario perciò resistere alla tentazione di rifugiarsi nel piccolo gruppo che mette in discussione il buon andamento del ministero, la gratuità delle relazioni, la fiducia reciproca, la collaborazione pastorale. Può accadere che si lavora con alcuni e si escludono gli altri in base a orientamenti di simpatia o di antipatia, magari anche legittimi, che però diventano inaccettabili, se sono occasione di divisione nel presbiterio. E’ di fondamentale importanza che relazioni sacerdotali siano aperte ad una relazionalità inclusiva e non esclusiva. Vivere la relazionalità inclusiva costa fatica, se ci si lascia prendere da “una preoccupazione esagerata per gli spazi personali di autonomia e di distensione” (EG, n. 78). Non aiuta far prevalere sempre il proprio IO e la propria autoreferenzialità, il puntare il dito, il voler dire sempre l’ultima parola. Per questo non è mai di troppo la cura della bocca e del cuore, che ci invita a custodire la parola e le intenzioni. Se il popolo di Dio ascoltasse tanti nostri discorsi ne sarebbe edificato, perché ricchi di passione per il vangelo? Oppure ne resterebbe sconcertato per l’invidia e la gelosia, se non proprio la maldicenza, che talvolta li attraversa? Non è questa la causa di un ministero deludente e deprimente?

Nel rinnovare le promesse sacerdotali vogliamo ridare vitalità al nostro essere sacerdoti e ricordare la preziosità e bellezza del dono della vocazione. Per ciascuno di noi e per tutta la chiesa. Ogni presbitero saprà rendere ragione della sua vocazione ed essere modello per quei giovani che sono in cerca di riferimenti. Ogni germe di vocazione si sviluppa ed alimenta grazie alla testimonianza di chi vive gioiosamente il sacerdozio. Vi esorto a continuare a pregare per le vocazioni. Lo chiedo a tutti. Ma ciò che più deve preoccupare noi sacerdoti non è tanto il numero ridotto delle vocazioni quanto il rischio di perdere il sapore del Vangelo e di non essere luce che illumina.

Ai sacerdoti, insieme alla preghiera, chiedo di amare questa chiesa. Con le sue rughe, le sue ferite, le sue difficoltà. Senza amore verso questa terra ogni nostra azione pastorale perde di slancio e scade nella routine delle cose da fare.  Qui nella nostra terra vive gente che soffre le ferite di storie che è difficile rimarginare, le difficoltà di un territorio avaro di soddisfazioni. Ma è gente legata ad una tradizione di fede che la sostiene e le dona speranza e fiducia nelle difficoltà della vita. Una fede però che va purificata dalle incrostazioni che la rendono abitudinaria e ripetitiva. Viviamo una realtà nella quale siamo chiamati a superare sia l’approccio ideologico che quello rigorista, sapendo che i processi e le situazioni della vita non possono essere classificati attraverso schemi inflessibili o norne astratte. Ma hanno bisogno di comprensione, di intelligenza critica, di dialogo costruttivo e di grande benevolenza.

Ringrazio tutti voi, cari Presbiteri, religiosi e religiose, per il lavoro e la fatica quotidiana, ma anche per la vostra amicizia e collaborazione. Ringrazio tutti indistintamente. Si cammina insieme. Insieme si cresce. Insieme ci si corregge. So che non mancano i momenti di frustrazione e le delusioni, che spesso provengono da ingenerosità e odiosità: c’è chi non sa apprezzare il vostro lavoro, chi vede e rimarca le vostre fragilità. Gli stessi che pongono ostacoli spesso sono i primi ad avere bisogno ed apprezzare i vostri sforzi, riconoscendovi necessarie guide del loro cammino. Per quanto dipende da voi non manchi l’impegno ad offrire una risposta chiara e coerente alla richiesta di Vangelo che proviene dalla nostra gente.

Siamo in pochi, molti anziani e malati. Il Signore – non dimentichiamolo – ci ha chiamati a far parte di questo presbiterio, e quindi a camminare e lavorare insieme. Mai da soli. Non resta che sostenerci l’un l’altro se vogliamo vivere degnamente la vocazione.

Sentiamo la vicinanza dei fratelli presbiteri anziani e malati (d. Pasquale Costa, d. Giuseppe Zancari, d. Filippo Polifrone). Di tutti i sacerdoti avanti negli anni non possiamo dimenticare la fedeltà, l’esperienza maturata ed il lavoro svolto. Abbiamo sempre bisogno di loro.

Dal cielo prega per noi don Vincenzo Sansalone, venuto a mancare nel mese di novembre scorso, lasciandoci una testimonianza di distacco dalle cose e di povertà evangelica.
Così come dal cielo, partecipa a questa eucaristia padre Michele Ceravolo che ricordiamo con affetto.

A tutti chiedo la bontà di una preghiera, la comprensione ed il perdono.

Possiamo tutti sperimentare la maternità della Chiesa che affidiamo a Maria, la madre della Divina Misericordia. Il Signore benedica il vostro servizio e vi dia la pace del cuore.

Francesco Oliva, Vescovo di Locri-Gerace

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

Vivere il Mistero Pasquale nell’incontro col Risorto! Si apre la Settimana Santa. Il Vescovo di Locri-Gerace accompagna il cammino della comunità diocesana.

Con la celebrazione della Domenica delle Palme è iniziata la settimana santa. Una settimana molto attesa e partecipata nelle nostre comunità. C’è chi attende con impazienza i riti e le tradizioni popolari, che hanno scandito e continuano a scandire la fede semplice del nostro popolo.  Oggi però in un mondo secolarizzato dobbiamo chiederci: sino a che punto è sufficiente contentarsi di assistere a questi riti? Non è il caso di guardare oltre, più in profondità, facendo nostro il messaggio di fede che attraverso di essi sin dalla loro origine s’è sempre inteso comunicare?

La celebrazione delle palme è anche la giornata dei giovani. Nella Basilica di Gerace tantissimi giovani e adolescenti hanno vissuto un pomeriggio meraviglioso che li ha aiutati ad entrare nel clima della settimana santa.

La Liturgia delle palme ci mostra che il Signore non ci ha salvati con un ingresso trionfale o mediante dei potenti miracoli, ma con l’esempio del Signore che si china su di noi. E noi non possiamo amare senza farci prima amare da Lui, senza sperimentare la sua sorprendente tenerezza.

Un appuntamento diocesano molto importante avverrà il mercoledì santo alle ore 18 con la messa crismale nella Basilica di Gerace, ove si riuniscono tutti i sacerdoti, i religiosi e le religiose, ed il popolo di Dio ed i adulti giovani cresimandi. Saranno benedetti gli oli santi che in tutte le parrocchie verranno usati nella celebrazione dei sacramenti del Battesimo, della Cresima, dell’unzione dei malati, nelle ordinazioni sacerdotali.

Il Giovedì santo dà inizio al Triduo pasquale. Con il gesto della lavanda dei piedi, il Signore si abbassa fino ai piedi dei discepoli, come solo i servi facevano. E il giorno dopo quell’Ultima Cena. Nel pomeriggio è per me importante vivere un momento di preghiera nel carcere di Locri, in modo da poter esprimere la vicinanza della comunità a quanti sono in esso ospiti. Lavare loro i piedi è riproporre la via del servizio come via di reintegrazione e di reinserimento sociale. Solo la conversione al servizio della carità può ridonare a chi ha sbagliato la gioia di vivere ed il recupero umano e sociale.

Il Venerdì Santo, giorno della passione e morte del Signore, si rivela il volto vero di Dio, che nel suo essere misericordia apre le porte del paradiso al ladrone pentito e tocca il cuore del centurione. Se è abissale il mistero del male, infinita è la realtà dell’Amore che lo ha attraversato.

Rinnoviamo la fede nel Crocifisso e volgiamo lo sguardo a Lui, chiedendo la grazia di capire qualcosa di più del mistero del suo annientamento per noi; e così, in silenzio, poter contemplare il grande mistero d’amore di questa Settimana.

Il sabato santo è giorno in cui la Chiesa resta in silenziosa attesa insieme a Maria madre addolorata. E’ il giorno in cui non celebra l’Eucaristia ed i fedeli si preparano alla grande veglia pasquale, madre di tutte le veglie.

Come di tradizione parteciperò e presenzierò alla celebrazione in Cattedrale a Locri. Chiedo alle comunità parrocchiali di ritrovarsi intorno al Risorto nell’unica celebrazione della Veglia che sarà nelle chiese parrocchiali. Ciò che è essenziale è vivere la Pasqua nell’incontro con il Signore, riconciliati nell’animo grazie al perdono ricevuto con la confessione.

Il giorno di Pasqua celebrerò nella Basilica concattedrale a Gerace, mentre la sera sarò nella chiesa parrocchiale di Stilo. 

Invito a vivere questa Settimana Santa, partecipando ai misteri che vi si celebrano, superando la tentazione di assistere ad essi come ad uno ‘spettacolo’ che suscita, sì, emozioni, ma che poco coinvolge la vita personale. I riti della pietà popolare devono predisporre il nostro animo ad accogliere il Risorto. Non vanno ridotti a folklore o a semplici manifestazioni che non parlano più al nostro cuore e non contribuiscono affatto alla nostra conversione.

A tutti, specie a quanti soffrono o sono soli, auguro una santa Pasqua.

 

Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

“Tra Arte e Fede, immagini dei Santi Taumaturghi in Calabria dal XVI al XIX secolo” Inaugurata la mostra nel Museo Diocesano a Gerace

 

E’ stata inaugurata presso il Museo Diocesano di Gerace la mostra dal titolo “Tra Arte e Fede. Immagini dei Santi Taumaturghi in Calabria dal XVI al XIX secolo” a cura di Giuseppe Mantella, Giacomo Oliva, Daniela Vinci e Sante Guido.

L’Esposizione, che sarà visitabile fino al 30 giugno 2019 tutti, i giorni dalle ore 9:00 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 18:00, è stata finanziata dalla Regione Calabria e promossa dalla Diocesi di Locri-Gerace, a conclusione del primo triennio (2016-2018) del progetto “Arte e Fede nella Diocesi di Locri-Gerace” sul restauro, la conservazione e la valorizzazione di opere d’arte in molti casi cadute nell’obblio e riscoperte per l’occasione; un progetto  che nasce da un’idea del restauratore, Giuseppe Mantella e coordinato da don Angelo Festa e don Fabrizio Cotardo.

Il lungimirante programma di recupero, già inserito tra gli eventi dell’”Anno europeo del patrimonio culturale 2018″ del MIBAC, è finalizzato alla “collaborazione di competenze diverse che hanno precorso ed affiancato le operazioni conservative, catalogative e di ricerca archivistica fornendo un quadro completo sulla storia, sulla composizione materica e sullo stato dei manufatti sui quali si è operato, conciliando un approccio interdisciplinare sugli interventi eseguiti”. A tal fine, il progetto, si è avvalso di autorevoli collaborazioni quali: l’Università Mediterranea di Reggio Calabria – Dipartimento PAU – Patrimonio, Architettura, Urbanistica-, L’ Università di Trento – Facoltà di Lettere e Filosofia – , la Pontificia Università Gregoriana, L’Università Federico II – Facoltà di Lettere e Filosofia – , L’Università della Calabria-Unical – Dipartimento di Studi umanistici -, insieme alle Scuole per restauratori ed assistenti restauratori, delle Accademie di Belle Arti di Napoli, di Reggio Calabria, de L’Aquila, di Catanzaro ed il Corso di Formazione Professionale per Collaboratore Restauratore di Beni Culturali della Città Metropolitana di Reggio Calabria.

La cerimonia inaugurale è stata presieduta da monsignor Francesco Oliva, Vescovo della Diocesi di Locri-Gerace, dall’Assessore all’Istruzione, Attività Culturali, Università e Alta Formazione della Regione Calabria Maria Francesca Corigliano e dai rappresentanti degli enti partner del progetto.

La mostra offre ai visitatori, la possibilità di ammirare varie tipologie di opere d’arte dal rilevante valore storico artistico e religioso tra cui i dipinti di Matti Preti quali la Madonna di Loreto proveniente dalla Chiesa di Santa Barbara di Taverna e il San Nicola dal Museo di Capodimonte di Napoli, il Busto reliquiario di San Nicola, in rame dorato, argento sbalzato e cesellato del XVIII secolo proveniente dal Museo Statale di Mileto ed altri pregiati manufatti provenienti dalla diocesi di Oppido Mamertina – Palmi e dell’Arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova. Significative sono le opere del territorio della diocesi di Locri-Gerace come le sculture lignee dei Santi Medici di Riace, Santi Taumaturghi per eccellenza, il preziosissimo Reliquiario dei Santi Martiri capolavoro in legno, ottone dorato e rame, proveniente dalla Chiesa di Santa Maria ad Nives e San Nicola di Bari a Bovalino.

L’esposizione di circa 48 manufatti permette di percorrere, tra “Arte e fede”, un itinerario ricco di contenuti sul piano religioso etico, sociale e culturale attraverso gli emblemi della fede e della tradizione, la storia dell’iconografica cristiana ed artistica dei “Santi Taumaturghi” che si è sviluppata nell’arco di tre secoli in Calabria.

©2019 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.