Tutti gli articoli di pandocheion

Informazioni su pandocheion

Giornale della diocesi di Locri-Gerace A cura dell'Ufficio per le Comunicazioni Sociali della diocesi.

Nuove disposizioni per le celebrazioni con il popolo in seguito alla cessazione dello stato di emergenza Covid

Nuove disposizioni per le celebrazioni con il popolo in seguito alla cessazione dello stato di emergenza con decorrenza dal 1° aprile 2022.

 

Alla luce delle indicazioni della Presidenza della Cei, desidero richiamare alcune novità inerenti alle celebrazioni con il popolo che conseguono al superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da COVID-19 e alla relativa cessazione dello stato di emergenza con decorrenza dal 1° aprile 2022, secondo il DL 24 marzo 2022, n.24, che abroga il Protocollo del 7 maggio 2020.

Occorre, però, ricordare che nel nostro contesto gli effetti della pandemia non sono ancora del tutto superati, così come non è superato il pericolo di contagio. A noi spetta il dovere pastorale di far capire ai fedeli che occorre tanta prudenza e pazienza, che l’eccesso di euforia non giova, che è possibile vivere la fede nella sua semplicità ed essenzialità anche qualora non fosse possibile né opportuno ritornare a vivere la pietà popolare come una volta, con gli stessi ritmi e cadenze, come se nulla fosse accaduto. A noi spetta inculcare alcune attenzioni e comportamenti necessari per limitare la diffusione del virus, specialmente in quelle attività che possono coinvolgere la partecipazione di un gran numero dei fedeli. Lo ripeto: nella nostra area geografica la pandemia non è ancora del tutto superata. Non lasciamoci prendere dalla frenesia dello “sciogliere le righe”, del “liberi tutti”.

La Nota della Presidenza CEI, pur facendo riferimento alle disposizioni governative, offre alcuni consigli e suggerimenti in questa direzione ispirata al senso della moderazione e della prudenza. È questa la linea che dobbiamo seguire come sacerdoti responsabili di comunità e della formazione dei fedeli.

Ecco alcune indicazioni della Presidenza CEI:

  • l’obbligo di mascherine, in ottemperanza del DL 24/2022 che proroga fino al 30 aprile l’obbligo di indossare le mascherine negli ambienti al chiuso, all’interno dei luoghi di culto al chiuso si acceda sempre indossando la mascherina;
  • nessun obbligo di distanziamento: non è più obbligatorio rispettare la distanza interpersonale di un metro. Si predisponga però quanto necessario e opportuno per evitare assembramenti specialmente all’ingresso, all’uscita e tra le persone che, eventualmente, seguono le celebrazioni in piedi. Permane il divieto della stretta di mano e dello scambio dei saluti all’interno della chiesa dopo le esequie.
  • igienizzazione: si continui a osservare l’indicazione di igienizzare le mani all’ingresso dei luoghi di culto;
  • le acquasantiere continuano ad essere vuote;
  • lo scambio di pace si può fare, ma evitando la stretta di mano o l’abbraccio;
  • per la distribuzione dell’Eucaristia si continui a indossare la mascherina e a igienizzare le mani prima della distribuzione della comunione, che va fatta preferibilmente nella mano;
  • invitare i fedeli in presenza di sintomi influenzali a non partecipare alle celebrazioni. Parimenti si faccia con chi è sottoposto a isolamento perché positivo al COVID-19;
  • igiene degli ambienti: si abbia cura di favorire il ricambio dell’aria sempre, specie prima e dopo le celebrazioni. Durante le stesse è necessario lasciare aperta o almeno socchiusa qualche porta e/o finestra. I luoghi sacri, comprese le sagrestie, devono essere igienizzati periodicamente mediante pulizia delle superfici con idonei detergenti.

La nostra diocesi mette a disposizione delle parrocchie determinati prodotti igienizzanti. Ci si preoccupi di ritirarli in curia.

  • processioni: è possibile riprendere la pratica delle processioni. Raccomanderei, però, di fare in modo che non si creino grandi assembramenti. Per questo consiglio di evitare in questo periodo manifestazioni interparrocchiali.

Per molti, forse, questa era la notizia più attesa. Deve farci riflettere. Com’è possibile restare indifferenti di fronte ad una religiosità popolare, alquanto formale e superficiale, per non dire debole e povera, che porta ad avvertire più la mancanza delle processioni che non dell’Eucaristia domenicale? Come possiamo responsabilmente accettare che alcuni fedeli si sentano paghi per il fatto di avere partecipato a qualche processione senza avvertire l’importanza di un cammino di vita cristiana che ha al centro l’Eucaristia domenicale? Non sarebbe il momento di indicare percorsi nuovi più evangelici?

È nostro compito aiutare i fedeli a liberarsi da quella sclerocardìa (=durezza di cuore), che rende incapaci di cogliere gioiosamente la novità di Dio. Essa caratterizza lo stile di chi rimane chiuso nelle proprie abitudini protette, di chi dà la precedenza ai propri schemi blindati (religiosi, culturali, sociali, ecc.), anziché alla realtà di un mondo che cambia e cammina su altri livelli.

Quanto alla Settimana Santa 2022, invito ad esortare i fedeli alla partecipazione in presenza alle celebrazioni liturgiche, limitando la ripresa in streaming delle celebrazioni e l’uso dei social media per la partecipazione alle stesse. Sospendo per il momento la trasmissione della “Domenica al borgo” sull’emittente Telemia, anche se era molto seguita dagli ammalati. Restano tante altre possibilità di seguire le celebrazioni presiedute dal Santo Padre sui media della CEI – Tv2000 e Circuito radiofonico InBlu.

Quanto alle celebrazioni della Settimana santa la Presidenza della Cei fa presente:

  1. La Domenica delle Palme, la Commemorazione dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme sia celebrata come previsto dal Messale Romano. Si presti però attenzione che i ministri e i fedeli tengano nelle mani il ramo d’ulivo o di palma portato con sé, evitando consegne o scambi di rami.

Raccomando che la celebrazione delle Palme avvenga a livello parrocchiale, per evitare grandi assembramenti di fedeli.

  1. Il Giovedì Santo, nella Messa vespertina della “Cena del Signore”, per il rito della lavanda dei piedi ci si attenga a quanto prescritto ai nn. 10-11 del Messale Romano (p.138). Qualora si scelga di svolgere il rito della lavanda dei piedi si consiglia di sanificare le mani ogni volta e di indossare la mascherina.

La Santa Messa crismale con la benedizione degli oli Santi quest’anno la faremo il Giovedì santo mattina nella chiesa Cattedrale a Locri con inizio alle ore 10.00.

  1. Il Venerdì Santo, tenuto conto dell’indicazione del Messale Romano (“In caso di grave necessità pubblica, l’Ordinario del luogo può permettere o stabilire che si aggiunga una speciale intenzione”, n. 12), suggerisco d’inserire nella preghiera universale un’intenzione di preghiera “per quanti soffrono a causa della guerra”. L’atto di adorazione della Croce, evitando il bacio, avvenga secondo quanto prescritto ai nn. 18-19, del Messale Romano (p. 157).

Nella serata, dopo la celebrazione della Passione e morte del Signore, esorto caldamente ad organizzare la Via Crucis per le vie della parrocchia o del paese, lungo quei percorsi più abitati, anche periferici, vigilando ancor più su quelle manifestazioni che attraggono maggiore partecipazione col rischio di pericolosi assembramenti.

È meglio organizzarle a livello parrocchiale, almeno in questo delicato momento storico.

  1. La Veglia pasquale potrà essere celebrata in tutte le sue parti come previsto dal rito.

Colgo l’occasione per augurare a tutti momenti spirituali di viva partecipazione e di conversione interiore.

A tutti chiedo comprensione e il dono di una preghiera.

✠  Francesco Oliva

©2022 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

Camminiamo insieme, per vincere l’individualismo Lettera Pasquale ai Sacerdoti di S.E. Monsignor Francesco Oliva

 

Lettera Pasquale ai Sacerdoti

di S.E. Monsignor Francesco Oliva

Locri, 26 marzo 2022

dav

 

Ai Rev. mi Sacerdoti,

LORO SEDI

 

Carissimi,

Con l’avvio del percorso sinodale stiamo vivendo un’esperienza ecclesiale che parte dall’ascolto reciproco e soprattutto dall’ascolto della Parola di Dio. Lasciandoci guidare dallo Spirito. Stiamo sperimentando che senza dare spazio allo Spirito, non c’è sinodalità. Lo Spirito ci aiuta nel discernimento. Avvenga per noi quello che accadde nel cosiddetto ‘concilio’ di Gerusalemme, ove maturò la consapevolezza di aver deciso “lo Spirito Santo e noi” (Atti 15). Come nella comunità apostolica, possa maturare anche in noi la consapevolezza di essere al servizio dello Spirito, di godere della luce e della forza della sua verità. Questo ci conduce ad un vero discernimento spirituale e pastorale, aiutandoci a prendere le giuste decisioni con cuore semplice e spirito fraterno.

Questo momento ci chiede di camminare insieme, affinché si realizzi una effettiva esperienza sinodale di crescita per le nostre comunità. Camminiamo insieme, per vincere l’individualismo. Come ebbe ad affermare il card. J. Ratzinger, “essere cristiani significa essenzialmente vivere il passaggio dall’essere per sé stessi all’essere gli uni per gli altri”. Questa vale ancora di più per noi Pastori che non siamo chiamati a guidare la comunità da condottieri solitari, ma in quella comunione che il Signore ha voluto istituire secondo un ordine gerarchico a beneficio della crescita della stessa comunità. Quanti danni fa nella nostra chiesa il decidere di camminare da sé, al fuori di quell’unità che Dio ha realizzato sulla Croce del Cristo. Spesso mi si fanno rilevare comportamenti individualistici da parte di sacerdoti, che portano ad un agire pastorale che “differenzia” una comunità dalle altre, che, pregiudicando l’unità, crea ostacoli seri all’unità ed allo stile sinodale che dovrebbero connotare la vita della nostra Chiesa diocesana. Non faccio riferimento soltanto a fatti secondari, ma a scelte di una certa importanza che fanno dire ai più ‘deboli’: “se nella parrocchia vicina si fa così, perché a noi non è possibile?”. Camminiamo insieme, ricordandoci che da soli non facciamo la Chiesa, come non la fa da solo lo Spirito Santo. “Lo Spirito Santo e noi”: ecco cosa fa la Chiesa, Collaboriamo per costruire e realizzare il sentire ecclesiam che ci sostiene tra le onde del mare in tempesta sui sentieri della storia.

 

Carissimi confratelli nel sacerdozio,

in questo inizio del cammino sinodale mi domando: ce la faremo a far arrivare a tutti la bella notizia del Dio che salva? Anche se al momento non ci è dato pianificare l’intero percorso sinodale, possiamo lavorare per costruire un sentire comune, per intraprendere la direzione giusta e per comprendere i passi da compiere. Anche in tempo di pandemia è emersa la tentazione di fare da soli, di uscire fuori da quel tracciato di unità che è sotteso al rispetto delle persone e al camminare insieme. La nostra gente ha bisogno di speranza e di quella fiducia, che portano a guardare lontano incontro alla verità di un Dio che si fa prossimo nella realtà di un cammino illuminato da una fede vera, dal primato della Parola e della carità, sostenuto dalla lode che s’innalza da un cuore purificato e docile. È la realtà di un cammino fatto di relazioni, di condivisioni, di accoglienza, di ascolto. Quello di una comunità che nasce dal Vangelo e si concretizza in quella rete di relazioni fraterne, ove “uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli” (Mt 23,8).

Alle nostre comunità facciamo pervenire l’invito che Pietro rivolge allo storpio presso la porta del tempio detta Bella: “Alzati e cammina” (At 3, 6). C’è tanto bisogno di rialzarsi in questo momento. Ne hanno bisogno i singoli fedeli troppo spesso sfiduciati in questo lungo tempo di pandemia, cui ora si aggiunge la guerra e le sue infauste conseguenze. Ne hanno bisogno le nostre comunità, per le quali l’eventuale ripresa delle manifestazioni della religiosità popolare deve avvenire in spirito e verità. A noi il compito di aiutarli a rialzarli, a rialzarci con loro, pronti a camminare sulla via del Signore, quella via che il Signore continua a percorrere, camminando davanti a noi per guidarci. Accanto a noi per custodirci. Dietro a noi per tutelarci. A noi il compito di aiutarli a rialzarsi ed a rialzarci, per andare dietro al Risorto: incoraggiare chi si è fermato, rialzare chi è caduto, prendere per mano e, perfino, caricare sulle spalle chi non ce la fa proprio più.

Siamo chiamati ad essere quella chiesa, che don Mazzolari definiva ‘l’ambulanza per chi cade” e non riesce più a camminare, quella “comunità che non può avere il passo delle élite”, ma che, al contrario, cammina col passo del più debole, “un passo cadenzato e stanco, misurato sugli ultimi più che sui primi”. A noi spetta far riscoprire la gioia di questa appartenenza alla Comunità credente, ben preparando le diverse funzioni liturgiche, attraverso le quali occorre far rivivere il Mistero, aiutando a partecipare “intensissimamente ai dolori del Cristo”, a riviverli con fede profonda, sentendo la via presenza del Redentore.

✠ Francesco Oliva

 

©2022 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

“UCRAINA: ASCOLTIAMO IL GRIDO DI PACE” La Diocesi di Locri-Gerace a sostegno della popolazione ucraina

“UCRAINA: ASCOLTIAMO IL GRIDO DI PACE”

La diocesi di Locri-Gerace si mobilita per sostenere la popolazione ucraina colpita dalla guerra e attraverso la Caritas diocesana attiva una serie d’iniziative.

Accogliendo l’appello di Papa Francesco, S.E. monsignor Francesco Oliva, Vescovo di Locri–Gerace, invita tutta la Chiesa diocesana alla preghiera ed al digiuno e chiede la partecipazione alla “Veglia diocesana di preghiera per la pace in Ucraina e nel mondo” che sarà celebrata oggi, Mercoledì delle Ceneri, alle ore 21.00 nella Cattedrale di Locri.

Tale giornata ha valenza spirituale e pastorale. Essa è un richiamo alla pratica delle opere di misericordia spirituali e corporali per salvare il popolo ucraino dalla guerra. La preghiera, con il digiuno e l’elemosina, costituisce uno degli atti essenziali che traducono davanti a Dio l’umiltà, la speranza e l’amore dell’uomo. È, contemporaneamente, un’offerta ed un atto d’amore al Padre. Infatti, per essere efficaci, il digiuno e l’astinenza devono unirsi alla preghiera e alla carità.

La Caritas Diocesana, diretta da don Rigobert Elangui, in tale prospettiva, ricordando le parole di Sant’Agostino di «dare in elemosina quanto riceviamo dal digiuno», seguendo le indicazioni di S.E. il Vescovo e gli orientamenti della Caritas Italiana, in collaborazione con gli Uffici e le realtà diocesane, promuove un calendario di iniziative per fare fronte alla situazione emergenziale che l’Ucraina si è trovata ad affrontare.

In una lettera indirizzata ai parroci, alle Caritas parrocchiali e a tutti gli uffici diocesani, don Rigobert sintetizza queste prime iniziative:

  • Sua Eccellenza il Vescovo, preoccupato della drammatica situazione, chiede ad ogni famiglia, ove possibile, di devolvere a favore del popolo ucraino il frutto delle nostre rinunce cioè l’equivalente di un pasto pari a € 10,00 di un giorno Inoltre, chiede alle parrocchie e raccomanda i parroci a destinare la raccolta della Prima Domenica di Quaresima (6 Marzo) a sostegno delle popolazioni dell’Ucraina (da far pervenire direttamente alla Caritas diocesana). I fondi raccolti saranno inviati interamente a Caritas Italiana che sosterrà la Caritas Ucraina, Polacca, Moldava e Rumena impegnate in prima fila nell’organizzazione dell’accoglienza e degli aiuti emergenziali;
  • organizza con l’ufficio Migrantes Diocesano e i centri di ascolto diocesani e parrocchiali, attività di ascolto ed accoglienza delle istanze provenienti dai fratelli e dalle sorelle ucraini, che vivono nel territorio diocesano dando, per quanto possibile, risposte concrete di vicinanza e prossimità;
  • in collaborazione con la fondazione Santa Marta e la Fondazione Opere di religione, predispone le strutture diocesane per l’accoglienza dei profughi ucraini in caso di necessità e di

PER SOSTENERE GLI INTERVENTI INTESTAZIONE: Diocesi di Locri-Gerace

IBAN: IT15C0538781410000043079234

BANCA: BPER Banca Filiale di Locri

CAUSALE: Emergenza Ucraina

 Per ogni altra informazione si può contattare la Caritas diocesana di Locri – Gerace

Via Cusmano, 79 – 89044 Locri – Tel/Fax 0962/20889

e-mail caritaslocri.gerace@gmail.com pec caritaslocri.gerace@pec.it

 

©2022 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

Quaresima tra speranze e sofferenze MESSAGGIO PER LA QUARESIMA 2022 di S.E. monsignor Francesco Oliva

MESSAGGIO PER LA QUARESIMA 2022

 Iniziamo il cammino quaresimale accogliendo l’esortazione del Santo Padre a vivere il mercoledì delle Ceneri una giornata di preghiera e digiuno per la pace in Ucraina. Anche se nelle parrocchie non mancano momenti di preghiera per la pace, chiedo di condividere a livello diocesano la Veglia di preghiera per la pace in Ucraina che si farà il mercoledì delle Ceneri alle ore 21 nella Chiesa Cattedrale in Locri. Il nostro pensiero andrà alla gente dell’Ucraina, che sta attraversando terribili momenti di sofferenza per un’ingiusta guerra di occupazione. Pregare per la pace è difendere un valore che non si può barattare. Occorre perciò “battersi per la pace” (don Tonino Bello). “Oggi abbiamo bisogno di pace sociale nelle città e nel nostro mare”, ribatte il card. Gualtiero Bassetti, a conclusione dell’incontro su Mediterraneo Frontiera di pace, tenutosi a Firenze dal 23 al 27 febbraio scorso.

La Quaresima ci consegna tante speranze insieme a tante sofferenze, legate ancora alla pandemia che l’intera umanità sta sperimentando da oltre due anni, cui si aggiunge ora la paura per una guerra insensata che coinvolge il popolo ucraino e quello russo.

Fratelli e sorelle,

sia la Quaresima un’opportunità per crescere nella relazione col Signore, “per prepararci a vivere il mistero pasquale di Gesù, morto e risorto” e “convertirci ad un modo di stare nel mondo da persone già risorte con Cristo (cfr. Col 3,1)” (Messaggio del Consiglio di presidenza della CEI). Papa Francesco ci indica la via:

Praticando l’amore fraterno verso tutti, siamo uniti a Cristo, che ha dato la sua vita per noi (cfr 2 Cor 5,14-15) e pregustiamo la gioia del Regno dei cieli, quando Dio sarà «tutto in tutti» (1 Cor 15,28)”.

“Stare nel mondo da persone risorte” è l’invito a superare la tentazione di vivere con superficialità un tempo liturgico troppo spesso sbilanciato sul versante della pietà popolare con i suoi riti e le sue tradizioni che rischiano di far perdere la bellezza della novità cristiana. Non dimentichiamo che senza la vita nuova in Cristo e senza una fede vissuta, ogni gesto di culto perde il suo sapore.

Il tempo della pandemia, se da una parte ci ha privato di tanti momenti liturgici che la tradizione popolare ci aveva consegnato, dall’altra ci ha fatto riscoprire la bellezza della preghiera domestica, della solidarietà nella sofferenza, del valore della carità e dell’accoglienza. Spesso abbiamo sentito che nulla può tornare come prima. Cresce la comune preoccupazione per il diminuire della partecipazione del popolo alle attività religiose. Come anche la paura di non riuscire a tornare ai livelli di prima. C’è chi ha già consapevolezza che non si possa più pensare ad un ritorno alla cosiddetta “normalità”, come se niente fosse accaduto. Chiedo al Signore che dia a me, ai sacerdoti e a tutto il popolo fedele la fantasia e la creatività nel pensare nuove vie di rinnovamento pastorale, che tengano conto del tempo presente con le sue attese, paure e speranze.

Cari Fratelli e sorelle,

non rassegniamoci ad una fede vissuta stancamente, nella ripetitività di gesti che non dicono più nulla al cuore dell’uomo, ma che fanno perdere la bellezza e la novità del Vangelo. Anche quando questo comporta più impegnative vie di vita evangelica. Non abbiamo paura di ritornare ad un vangelo “sine glossa”, vissuto senza accomodamenti, “senza calmanti”, come dice papa Francesco. Lasciamoci interpellare dal Signore, che ci aiuta a riscoprire vie nuove ed a scorgere l’azione dello Spirito, che solo può aprire ad un tempo di rinnovamento spirituale.

Questo tempo non è semplicemente segnato dalle restrizioni dovute alla pandemia: è un tempo dello Spirito, un tempo di pienezza, perché porta in sé opportunità di amore creativo che in nessun’altra epoca storica si erano presentate.

Viviamo la nostra fede nella sua connotazione fondamentalmente pasquale, che ci fa guardare la realtà con occhi diversi rispetto a come la vede il mondo. Scopriremo che “una sconfitta può essere una vittoria, una perdita una conquista. Cominciare a vivere la Pasqua, che ci attende al termine del tempo di Quaresima, significa considerare la storia nell’ottica dell’amore, anche se questo comporta di portare la croce propria e altrui”.

Il cammino sinodale ci sta aiutando a maturare un modo nuovo di ascoltare la realtà per giudicarla in modo spirituale e produrre scelte più evangeliche.

Chiediamoci: quale azione dello Spirito è possibile riconoscere in questo nostro tempo? Andando al di là dei meri fatti che accadono, quale lettura spirituale possiamo fare della nostra epoca, per progredire spiritualmente come singoli e come comunità credente? Ed ancora allargando lo sguardo: cosa vuole dirci il Signore con questa recrudescenza della guerra che semina panico e distruzione nella popolazione ucraina, e non solo?

Questa quaresima sia soprattutto tempo di conversione all’ascolto. Lo esige il cammino sinodale. Ce lo chiede il Signore ricordandoci come il primo e più grande dei comandamenti è

«Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore» (Mc 12,29; cfr. Dt 6,4). L’ascolto della Parola di Dio e dei fratelli e delle sorelle, in particolare l’ascolto degli ultimi, è prezioso, poiché ripropone lo stile di Gesù, che prestava ascolto a tutti e soprattutto ai piccoli, agli ammalati, alle donne, ai peccatori, ai poveri, agli esclusi. Solo una Chiesa che ascolta è una Chiesa sinodale sensibile al soffio dello Spirito. Proviamo ad essere chiesa dell’ascolto, libera da ogni forma di sterile clericalismo.

Per questo è importante lasciarsi interpellare sugli ostacoli che incontra l’ascolto libero e sincero nella nostra Chiesa e sulle vie per migliorare il modo di ascoltare.

La Vergine Maria, donna dell’ascolto, ci accompagni in questo tempo e lo renda fecondo di opere buone.

Buon cammino quaresimale!

Locri, dalla sede Vescovile, addì, 2 marzo 2022

✠ Francesco Oliva, Vescovo di Locri-Gerace

©2022 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

Veglia di preghiera per la pace in Ucraina e nel mondo Mercoledì 2 marzo 2022 ore 21,00 Cattedrale “S. Maria del Mastro” – Locri

Veglia di preghiera per la pace

in Ucraina e nel mondo

 

Mercoledì 2 marzo 2022 ore 21,00

Cattedrale “S. Maria del Mastro” – Locri

 

La Diocesi di Locri-Gerace, facendo proprie le parole di Papa Francesco che ha invitato tutti ad una giornata di digiuno e di preghiera per la pace, organizza una veglia che sarà presieduta dal vescovo, S.E. monsignor Francesco Oliva, nella Cattedrale di Locri il 2 marzo prossimo, Mercoledì delle Ceneri.

Tutta la comunità diocesana, le associazioni e i movimenti sono chiamati ad unirsi alla preghiera, che vuole essere anche un momento per dare voce, innanzitutto, alle “vittime che la guerra non la scelgono, ma la subiscono” e per fare da eco all’appello di Papa Francesco:

“Vorrei appellarmi a quanti hanno responsabilità politiche, perché facciano un serio esame di coscienza davanti a Dio, che è Dio della pace e non della guerra; che è Padre di tutti, non solo di qualcuno, che ci vuole fratelli e non nemici. Prego tutte le parti coinvolte perché si astengano da ogni azione che provochi ancora più sofferenza alle popolazioni, destabilizzando la convivenza tra le nazioni e screditando il diritto internazionale”.

 

La veglia di preghiera sarà trasmessa in diretta streaming su Telemia e sui canali social della diocesi.

©2022 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.