Alla Madonna di Polsi Preghiera composta da S.E. monsignor Francesco Oliva

ALLA MADONNA DI POLSI

 

Alla tua protezione, o bella e amata Madonna della Montagna,

quest’anno per la prima volta a distanza,

affido i tuoi tanti devoti, qui presenti, e quanti non hanno potuto farti visita

per le restrizioni dovute al coronavirus e ad ogni altra malattia.

Da questo bel luogo mostraci il tuo volto materno.

Anche noi da lontano vogliamo contemplarti, o Madre,

e contemplare il tuo Figlio su quella Croce

che ancora s’immola per noi e per il mondo intero.

È la croce che ci mostra il suo amore infinito.

È la croce che ci libera dal male

purifica e guarisce le nostre infermità.

È la croce della passione e del nostro riscatto,

la croce di quanti muoiono annegati nelle acque del mediterraneo

il mare dell’indifferenza e del rifiuto.

È la croce che segna un passaggio necessario verso la vita nuova

che nel Risorto dona a tutti speranza e salvezza.

Vergine Maria della montagna,

sii accanto a chi soffre ed invoca il tuo amore.

Sotto la tua misericordia troviamo rifugio

nel dolore e nella prova non ci abbandonare,

guarda i tuoi figli peccatori, gli umili ed i semplici, i poveri, i senza tetto,

gli immigrati, i giovani senza lavoro.

Rendi il nostro cuore capace di accogliere

quanti sognano una vita più umana,

lontani dalle guerre e dalle violenze.

Madre del buon Pastore,

veglia su di noi, sui sacerdoti e su tutti i pastori della Chiesa

aumenta in loro il coraggio di osare di più

nel donare sé stessi e la loro vita.

Maria, Madre di ogni grazia, a te offro il mio tempo,

le mie attese e speranze, i miei fallimenti e tutte le mie fragilità,

la mia povera vita, tutto il mio nulla.

Fammi dono della tua perseveranza

E nell’obbedienza al Padre

aiutami a cantare le sue lodi ed il suo amore per sempre. Amen!

 Mons. Francesco Oliva

            Vescovo di Locri – Gerace

 

Polsi 2020

 

©2020 Pandocheion – Casa che accoglie. Diocesi di Locri-Gerace. Tutti i diritti sono riservati.

Lascia un commento